Ca' Rugate e la biodiversità

Ca' Rugate e la biodiversità

Il posizionamento dei nidi artificiali sulle viti è uno degli ultimi progetti orientati al biologico e alla sostenibilità

Ca' Rugate, da sempre sensibile al tema della sostenibilità, continua nel segno delle pratiche di greening.

L'ultima operazione, frutto di una scelta coerente e orientata alla conservazione della biodiversità, ha riguardato il posizionamento sui filari di nidi artificiali, piccole casette nido che potranno ospitare uccelli che fungeranno da "sentinelle ambientali".

Tra Monte Fiorentine, Punta Tolotti, Tremenalto, Campo Lavei e Studio, sono stati installati 90 nidi in tutto, principalmente in corrispondenza dei punti in cui l'ambiente si presenta "più vario".

I nidi artificiali si collocano nei vigneti dove già esistono nidi naturali espressione dello stato di salute dell’ecosistema e del percorso bio intrapreso a tutela dei valori della biodiversità.

La fotogallery realizzata tra Punta Tolotti e Campo Lavei, racconta dei nidi e di questa pratica a cui teniamo particolarmente.

Seguiteci con gli #carugategreen #carugatebio 

 

Condividi
indietro
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info